News

Ricostruiamo il Paese - Proposte a costo zero per rafforzare le infrastrutture sociali

20-04-2020 11:05

Redazione

Approfondimenti,

Ricostruiamo il Paese - Proposte a costo zero per rafforzare le infrastrutture sociali

Da Nord a Sud l'appello di cooperatori e imprenditori sociali

 

 

 

 

 

 

Da Nord a Sud l'appello di cooperatori e imprenditori sociali. 

 

In Italia vi sonooltre 20.000 imprese sociali, conpiù di 500.000 occupati e oltre 12 miliardi di valore della produzione aggregato impegnate nel welfare, nella cultura e nell’inserimento lavorativo di oltre 50.000 persone svantaggiate.

write-5933331920-1587373266.jpg

Sono imprese che stanno dando un contributo importante nell’affrontare la crisi indotta da Covid-19, impegnate nella gestione dell’emergenza sanitaria e sociale.In poche settimane hanno modificato la propria offerta di servizi e si sono impegnate per assicurare servizi essenziali ai cittadini e alle comunità in cui operano, ponendo particolare attenzione alle fasce più deboli della popolazione.

Sono organizzazioni in prima linea nel contrasto della pandemia e nello stesso tempo stanno pagando un importante prezzo economico.Molte di queste realtà hanno registrato un crollo del fatturato dell’80% e registreranno forti perdite di bilancio nel 2020 che rischiano di provocare il default di molte imprese. Le più colpite sono quelle che inseriscono al lavoro persone svantaggiate – in larga parte disabili e persone con disturbi psichici – che, perdendo il lavoro garantito dalleimprese sociali, rischiano di essere definitivamente espulsi dai processi produttivi e di inclusione sociale.

 

Superata l’emergenza le imprese sociali potranno dare un importante contributo alla riorganizzazione del sistema sanitario ed alla ricostruzione del sistema economico ponendo attenzione alle persone più fragili, ai bisogni ed alle risorse presenti nella comunità. La ricostruzione del Paese, infatti, non sarà solo una questione di risorse disponibili ma anche di modelli e di strumenti utilizzati.

 

Crediamo che per affrontare la situazione attuale e ricostruire il Paese non siano sufficienti gli interventi a protezione del reddito delle famiglie e a sostegno delle imprese ma che sianonecessarie anche misure che difendono e rafforzano le infrastrutture sociali, di cui le imprese sociali sono un elemento fondamentale.

 

Per queste ragioni chiediamo al Governo ed a tutte le forze politiche presenti in Parlamento l’adozione – in tempi rapidi – di alcune misure a sostegno delle imprese sociali, molte delle quali sono a costo zero.

 

1.    Proroga dei contratti e delle convenzioni

Introdurre la proroga sino al 30 giugno 2023, anche in deroga alle normative in materia di contratti pubblici, di tutti i seguenti atti qualora giàscaduti o in scadenza prima di tale data:

a) contratti per la fornitura di servizi socioassistenziali, sociosanitari e socioeducativi e legati alle politiche attive del lavoro;

b) contratti per la fornitura di servizi erogati da organizzazioni che garantiscono l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate ai sensidell’art. 5 della legge 381/1991 o dell’art. 112 del d.lgs. 50/2016;

c) accreditamenti in ambito socioassistenziale, sociosanitario e socioeducativo, fattosalvo il mantenimento, da parte degli enti accreditati, dei requisiti previsti perl’accreditamento;

d) convenzioni con Enti del Terzo settore per la realizzazione delle attività di interessegenerale di cui all’art. 5 del d.lgs. 117/2017.

 

Le proroghe si intendono a condizioni invariate fatti salvi eventuali adeguamenti derivanti da rinnovi contrattuali.

 

2.    Co-progettazione e moratoria degli appalti

Stabilire che, al fine di promuovere il coinvolgimento della società civile nell’emergenza da Covid19 e nella ricostruzione del Paese:

a)    L’acquisto o la promozione da parte di tutte le amministrazioni pubbliche di beni o servizi di interesse generale di cui all’art. 5 del d.lgs. 117/2017 sono di norma realizzate tramite procedimenti di coprogettazione ai sensi dell’art. 55 del d.lgs. 117/2017;

b)   nei casi in cui si renda necessario procedere tramite affidamento di servizi, tale scelta deve essere motivata dall’amministrazione pubblica, in questo caso è preferibile, laddove compatibile, il ricorso alle forme di affidamento di cui all’art. 143 del d.lgs. 50/2016;

c)    sino al 30 giugno 2023 è fatto divietoalle amministrazioni pubbliche di utilizzare forme di affidamento dei servizi disciplinate dal d.lgs. 50/2016.

 

3.    Tutela dei lavoratori dei servizi di welfare

Stabilire che, al fine di garantire la qualità del lavoro e la qualità dei servizi in ambito educativo, scolastico, socioassistenziale,sociosanitario, sanitario,socioeducativio e delle politiche attive del lavoro sia nel periodo dell’emergenza Covid-19 che nel periodo successivo all’emergenza, i contratti tra amministrazioni pubbliche e enti privati gestori si adeguano automaticamente al rinnovo dei contratti collettivi nazionali di lavoro sottoscritti dalle organizzazioni maggiormente rappresentative.

Definire, inoltre, che le rette dei servizi educativi e scolastici, socioassistenziali, sociosanitari, sanitari e socioeducativi si adeguano automaticamente nella componente del costo del lavoro al rinnovo dei contratti collettivi nazionali di lavoro sottoscritti dalle organizzazioni maggiormente rappresentative. 

 

4.    Tutela delle persone svantaggiate inserite al lavoro nell’emergenza da Covid19

Stabilire che, al fine di tutelare i percorsi di inserimento lavorativo di persone svantaggiate ai sensidell’art. 4 della legge 381/1991 o dell’art. 112 del d.lgs. 50/2016, in caso disospensione di attività causata dalle misure di contenimento dell’emergenza Covid-19 realizzate da imprese sociali che inseriscono al lavoro persone svantaggiate ai sensi dell’art. 4 della legge 381/1991 o dell’art. 112 del d.lgs. 50/2016 le pubblicheamministrazioni corrispondono comunque il pagamento dell’importo contrattualmente dovuto, attingendo alle risorse iscritte a bilanciopreventivo per l’esecuzione del contratto, a condizione che le imprese interessate attivino percorsi formativi o laboratoriali per tutti i propri lavoratori e mantengano in funzione le strutture produttive, anchesulla base di una rimodulazione concordata con le amministrazioni pubbliche, che sia finalizzata soprattutto a costruire opportunità di inclusione lavorativa per le persone che, a seguito dell'emergenza Covid-19, si trovano in condizione di marginalità sociale, economica e lavorativa.

 

5.    Appalti e concessioni riservate

Stabilire che, al fine di tutelare i percorsi di inserimento lavorativo delle persone svantaggiate, nella ricostruzione del Paese le amministrazioni pubbliche e le società controllate dalle amministrazioni pubbliche ogni anno applichino l’Art. 112 del d.lgs. 50/2016 in procedure di appalto e concessione che rappresentano almeno un decimo del valore delle procedure totali poste in essere nell’anno.

 

6.    Sostegno finanziario e fiscale

Estendere a tutte le organizzazioni del Terzo settore le misure di sostegno finanziario e fiscale previste dai diversi provvedimenti adottati dal governo per fronteggiare l’emergenza da Covid19 – moratoria dei debiti bancari, moratoria dei versamenti fiscali e interventi a sostegno della liquidità.

 

La situazione di emergenza che stiamo vivendo può, inoltre, rappresentare l’occasione per introdurre delle innovazioni di processo – anche queste a costo zero – che potrebbero generare innovazione nell’intero Terzo settore. Tra queste crediamo che sia rilevante sperimentare  procedure per la certificazione delle competenze in contesti formali, non formali (sono gli apprendimenti intenzionali acquisiti tramite attività di tirocinio, volontariato, etc.)  e informali (sono gli apprendimenti non intenzionali acquisiti in contesti familiari, indirettamente nei contesti lavorativi o nel tempo libero) in modo da sfruttare la vocazione all'inclusività delle cooperative sociali di inserimento lavorativo che rappresentano delle realtà imprenditoriali capaci di includere, oltre agli svantaggiati ex art.4 L.381/91, anche tutte le persone che da questa crisi si troveranno a vivere (ancora o per la prima volta) una condizione di marginalità e povertà.

 

Per aderire all’Appello scrivere a: appello.imprese.sociali@gmail.com

 

In allegato il documento con i firmatari.

©2020 Fondazione Ebbene P.IVA  05459640875 CF 93181480877 | Cookie Policy | Privacy Policy


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
logo per flazio@4x
vector (1)

Menu

Menu