News

Nel cuore della Prossimità

04-11-2019 14:17

Redazione

Da Èbbene,

Nel cuore della Prossimità

Dal Blog Proximity del nostro Presidente Edoardo Barbarossa su Vita Non Profit.

news539-1581273773.png

L’unica cosa certa è che saremo giudicati sull’amore e che è ancora tanta la strada da fare, perché l’amore non può essere lasciato allo spontaneismo, all’emozione del momento, ha bisogno di essere alimentato. Cosa vuol dire essere "nel cuore della prossimità"? Stare accanto alle persone più fragili, costruire con loro dei percorsi di recupero della dignità perduta rigenerando la speranza e aiutandoli a ricostruire la loro vita frammentata. 
Come si fa? Non può essere un’idea "prestazionale", non si può concepire come un "dare qualcosa a qualcuno", non può basarsi su una differenza di posizione sociale fra me e te. "Prossimità" ci conduce oltre qualunque idea di welfare, vuol dire che quella persona - il "prossimo"- ti entra nel cuore e non può più uscirne, neanche se dovesse deluderti profondamente. Nel cuore della "prossimità" al centro c’è l’uomo, la famiglia, i suoi bisogni e le sue capacità e le sue fatiche ed insieme la mia responsabilità. 
Sì, perché la povertà materiale, morale, culturale, sociale, dipende dalle scelte che hanno costruito una società a scalini ed hanno posto alcuni in alto ed altri in basso. Una realtà che contrasta pesantemente il principio di egualità e di dignità che è all’origine della vita. Ci sono nel mondo milioni di persone che non hanno mai avuto la possibilità di costruire la loro vita in maniera dignitosa e che si sono abbrutite, perché poste in luoghi disumani, dentro recinti bestiali, in un coacervo di relazioni devianti.
Spesso mi trovo a dire che è importante capire le persone vivendo come loro, ponendosi con verità dalla loro parte, non giudicando ma abbracciando la loro situazione e le loro convinzioni, costruendo un rapporto di stima e di fiducia.
Persona, non utente, paziente, disabile, immigrato,...solo Persona a cui stare accanto, accogliendo, ascoltando, accompagnando...sono le tre "A" della Prossimità. Se incontri una persona in stato di bisogno e ti limiti a risolverlo, senza accogliere il suo bisogno più profondo di relazione, non cambia niente né nella vita di quella persona, né nella tua.
Se scegli di accogliere, ascoltare, accompagnare, si crea quella relazione di stima e di fiducia che cambia l’esistenza di entrambi. [Continua a leggere, clicca qui].
Dal Blog Proximity del nostro Presidente Edoardo Barbarossa su Vita Non Profit.

©2020 Fondazione Ebbene P.IVA  05459640875 CF 93181480877 | Cookie Policy | Privacy Policy


facebook
twitter
linkedin
youtube
instagram
logo per flazio@4x
vector (1)

Menu

Menu